Musica della liturgia

BLOG di don Simone Unere. Uno spazio per convogliare pensieri, notizie, approfondimenti sull’aspetto musicale della vita liturgica della Chiesa e condividere opinioni.

Archivio per la categoria “Repertorio”

L’Alleluia di Botor per la Messa finale della GMG a Cracovia: ecco lo spartito!

alleluia-botor-gmg-cracovia

Ecco il Canto al Vangelo composto dal polacco Botor, cantato in occasione della Messa finale della GMG 2016 a Cracovia. Il contrappunto rende la composizione interessante e vivace. Essa implica la presenza di due solisti, un soprano che salga fino al Do3, e un tenore (gli amici musicisti diranno se eventualmente possono essere omessi oppure no. Lo spartito però non indica questa possibilità). Il testo del versetto, in latino, si riferisce alle parole dette da Gesù all’apostolo Tommaso – Quia vidisti me, Thoma, credidisti… – ed è affidato ad un cantore.

Alleluia
Canti dell’Ordinario (Missa Ioannis Pauli II)
La Messa finale della GMG

Spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri, delle loro lance faranno falci

sussidio-avvento-natale-2016

E’ online il nuovo Sussidio liturgico Avvento-Natale 2016. Dall’introduzione di Don Franco Magnani: “Una consistente sezione del sussidio mira a sviluppare un ascolto incarnato della ricchissima offerta delle letture bibliche dell’Avvento, con un particolare riferimento ai testi propri del ciclo A. La sezione liturgico-celebrativa del Sussidio di Avvento Natale mira a mettere in luce la caratteristica propria di ciascuna solennità/domenica/festa, così come viene illustrata dall’eucologia, dalla liturgia della Parola, dal Calendario Romano generale, dal Direttorio su pietà popolare e Liturgia e da altri testi del Magistero (es. Marialis cultus). La tematica propria di ogni solennità/domenica/festa ha ispirato anche la monizione iniziale, composta secondo il criterio della brevità ed essenzialità. Per ciascuna domenica/festa/solennità vengono suggeriti, per le parti del proprio della Messa, dei canti pertinenti tratti dal Repertorio Nazionale CEI; per ogni celebrazione è offerta anche la scheda di presentazione di uno dei canti indicati.  Secondo la raccomandazione dell’Ordinamento Generale del Messale Romano circa l’esecuzione del salmo responsoriale «con il canto, almeno per quanto riguarda la risposta del popolo» (OGMR 61) vengono presentate per ciascuna domenica/festa/solennità la partitura del salmo, in formato pdf, e la relativa registrazione audio esemplificativa”.

La Missa Ioannis Pauli II di Botor alla GMG 2016 di Cracovia: ecco gli spartiti!

messa Botor Cracovia

La Missa Ioannis Pauli II composta da Henryk Jan Botor per la celebrazione conclusiva della GMG 2016 di Cracovia presieduta da Papa Francesco al Campus Misericordiae, è stata definita dal card. Stanisław Dziwisz come un “regalo della Chiesa di Cracovia alla Chiesa universale”. La composizione ha destato parecchio interesse, ma gli spartiti sembrano irreperibili. Li state cercando anche voi? Potete trovarli qui.

Youtube (video della Messa)
Soundcloud (audio dei canti)

Messa del Buon Pastore

Messa

Condivido con tutti il fatto che la Diocesi di Asti, nella celebrazione del Congresso Eucaristico (10-17 aprile 2016) convocato dal suo vescovo Francesco Ravinale con il motto “Pane del Cammino, Dono di Misericordia, Centro di Unità”, in vista della celebrazione conclusiva ha pensato ad una composizione che contenesse i canti del “Proprio”, tratti dal Graduale Romano e in lingua italiana: da qui il lavoro del M° Daniele Ferretti, la Messa del Buon Pastore per Assemblea, Coro a 4 voci, Ottoni e Organo, pubblicato dalle Edizioni Carrara di Bergamo. Nella quarta domenica di Pasqua la figura dominante è il Buon Pastore: l’immagine evocata nel Vangelo di Giovanni al capitolo 10, da cui ogni anno è tratta la pericope evangelica, ha ben collocato la celebrazione del Congresso Eucaristico di Asti nell’alveo del Giubileo Straordinario della Misericordia indetto da Papa Francesco.

Canto d’Introito: celebra il Signore che si rende presente nell’assemblea riunita nel suo nome, mutuando le strofe e la prima parte del ritornello dal Salmo 32, il quale si presenta come un inno di lode alla provvidenza di Dio, che in questa domenica trova la sua concretizzazione nell’immagine del Buon Pastore. Per introdurre meglio i fedeli al mistero celebrato, poi, la seconda parte del ritornello, aggiunge un invito esortativo: “Ascoltiamo la voce del Buon Pastore, seguiamo con fede il Signore della vita”.
Salmo responsoriale: è tratto dal Salmo 99, il quale invita tutti i popoli a lodare con gioia il Signore. Il motivo della lode emerge nel versetto 3: “Siamo suoi, suo popolo e gregge del suo pascolo” e il ritornello evidenzia questa consapevolezza dell’assemblea orante.
Canto al Vangelo: il versetto alleluiatico (Gv 10, 14) riprende il tema del conoscere: “Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me”.
Canto alla presentazione dei doni: è tratto dal Salmo 62 e accompagna la carità dei fedeli che, offrendo con gioia il pane e il vino, non dimenticano coloro che ne sono sprovvisti, e cercano Dio come la terra arida cerca l’acqua. Con fede sicura, nell’io collettivo del salmista, cantano la fiducia di essere esauditi: “Come saziato dai cibi migliori, con labbra gioiose ti loderà la mia bocca”.
Canto alla Comunione: abbina l’Antifona propria di Comunione “Io sono il buon pastore e offro la vita per le mie pecore” (Gv 10, 14-15) al Salmo 22 (nella notissima versione De Marzi – Turoldo). In tal modo si è voluto lasciare spazio al canto religioso popolare, debitamente valorizzato nell’armonizzazione di Ferretti.

La Messa del Buon Pastore di Daniele Ferretti non cade nel fraintendimento ingenuo di una musica liturgica fruibile immediatamente, come quelle melodie che si cantano quasi da sole. Neppure qui si ricerca l’arte per l’arte: la parte dell’Assemblea è realmente alla portata delle capacità medie dei fedeli e consiste in brevi e opportuni interventi partecipativi, mentre complessivamente, si è dato vita ad una musica “contemporanea” per la liturgia di oggi: una musica per un servizio ecclesiale specifico – quello dei cantori – fatto di sacrificio e di passione. Pochi al servizio di molti, è l’immagine della ministerialità ecclesiale che si è tenuta presente elaborando questa Messa, nella convinzione che quello del coro, sia un ruolo specifico: come quello di chi presiede la celebrazione, del diacono o del lettore.

Vai al catalogo delle Edizioni Carrara.

Io sono la porta

io sono la porta

Qualche tempo fa avevo segnalato la composizione del M° Di Lenola, il quale aveva musicato l’antifona Io sono la porta, per l’apertura della Porta Santa. Una sua registrazione è ora ascoltabile su Youtube seguendo questo link.

Sussidio liturgico Avvento-Natale 2015

avvento-Natale

Segnalo che è online il sussidio “Il Signore vi faccia crescere e sovrabbondare nella misericordia” a cura dell’Ufficio Liturgico della CEI. Suddiviso nei due tempi di Avvento e Natale, ne rispetta la natura liturgica propria. Per ogni Domenica e festività si propongono riflessioni bibliche, indicazioni liturgiche, suggerimenti per il repertorio musicale (in particolare, è possibile scaricare lo spartito di tutti i Salmi Responsoriali e ascoltare file mp3) e orientamenti catechistici.

Vai al sussidio

Canto per l’apertura della Porta giubilare

giubileo-della-misericordia

Segnalo un’altra composizione per il Giubileo straordinario della Misericordia. Ha appena trovato pubblicazione Giubilate nel Signore Nostro Dio, per Organo e Coro a 4 voci dispari. Il testo è opera di Don Salvatore Savaglia, sacerdote dell’Arcidiocesi di Siracusa, e la musica del M° Marco Di Lenola.
Il brano consta di un introduzione, della strofa a una voce, del ritornello polifonico e di una coda a cappella con un breve intervento dell’organo prima della cadenza finale, ed è stato pensato specialmente per la celebrazione di apertura della Porta Santa della Misericordia nelle Chiese particolari, prevista per la terza Domenica di Avvento, oltre che per altri contesti celebrativi giubilari. Reperibile presso le edizioni Armelin.

Canti per i riti di apertura della Porta giubilare

giubileo-della-misericordia

Fonte: Facebook

In un precedente post ho segnalato l’Antifona per l’apertura della Porta di misericordia composta su commissione dell’Ufficio Liturgico della Diocesi di Gaeta. Ora un altro lavoro musicale merita di essere raccolto, sempre inerente ai riti di apertura della Porta giubilare nelle Chiese particolari. Il compositore Giovanni Geraci ha reso disponibili gli spartiti sul social network più diffuso:

Nella Cattedrale di Verona per la Celebrazione di apertura dell’Anno Santo della Misericordia (13 Dicembre), nei momenti rituali legati all’Ingresso in Cattedrale (Acclamazione del Vescovo davanti alla porta, Antifona sull’ostensione del Libro dei Vangeli e Canto d’Ingresso) eseguiremo quanto indicato in questo file. Credo che il pregio di questa proposta sta nel fatto che i tre momenti sono stati pensati in maniera unitaria e composti non solo per rivestire degnamente i testi liturgici previsti, ma anche per “esaltare sonoricamente” le azioni rituali che andranno a commentare.

Rito di apertura della Porta santa (G. Geraci)

Antifona per il rito di apertura della Porta della Misericordia

giubileo-della-misericordia

Io sono la porta, dice il Signore,
chi passa per me, sarà salvo;
entrerà e uscirà e troverà pascolo.
(Gv 10,9)

Dopo la pubblicazione dell’Inno del Giubileo della Misericordia, va ora senz’altro segnalata l’iniziativa dell’Ufficio Liturgico della Diocesi di Gaeta che ha commissionato la composizione dell’antifona “Io sono la porta”. Il rito di apertura della Porta della misericordia nelle Chiese particolari, infatti, prevede il canto di un’antifona specifica da eseguirsi una volta giunti alla porta principale della cattedrale, dopo la sua apertura, durante l’ostensione del Libro dei Vangeli. Un plauso all’iniziativa.

Concludo allegando l’antifona Io sono la porta; mentre dell’Inno Misericordias sicut Pater! ne ho trattato in questo articolo.

Un canto per la Giornata di preghiera per la Cura del creato

Giornata-di-preghiera-per-il-creato

Oggi si celebra la Giornata Mondiale di Preghiera per la Cura del Creato, istituita da Papa Francesco il 6 agosto 2015. Nella sua lettera il Santo Padre scrive: “Come cristiani vogliamo offrire il nostro contributo al superamento della crisi ecologica che l’umanità sta vivendo. Per questo dobbiamo prima di tutto attingere dal nostro ricco patrimonio spirituale le motivazioni che alimentano la passione per la cura del creato. L’annuale Giornata Mondiale di Preghiera per la Cura del Creato offrirà ai singoli credenti ed alle comunità la preziosa opportunità di rinnovare la personale adesione alla propria vocazione di custodi del creato, elevando a Dio il ringraziamento per l’opera meravigliosa che Egli ha affidato alla nostra cura, invocando il suo aiuto per la protezione del creato e la sua misericordia per i peccati commessi contro il mondo in cui viviamo. La celebrazione della Giornata, nella stessa data, con la Chiesa Ortodossa sarà un’occasione proficua per testimoniare la nostra crescente comunione con i fratelli ortodossi” (Lettera per l’istituzione della Giornata Mondiale di Preghiera per la Cura del Creato).

Per l’occasione, dunque, vorrei segnalarvi il bellissimo brano “Look at the world” del compositore John Rutter, ascoltabile su Youtube. La versione che vi propongo, però, ha il testo in italiano grazie al lavoro di Giuseppe Verardo: con il suo gentile consenso eccovi il link per il download dello spartito di “Guarda il mondo“.

Navigazione articolo