Musica della liturgia

BLOG di don Simone Unere. Uno spazio per convogliare pensieri, notizie, approfondimenti sull’aspetto musicale della vita liturgica della Chiesa e condividere opinioni.

Perché l’azione liturgica è “più nobile” se celebrata in canto? Risponde MS

canto-forma-nobile

Chiedendo un’attenzione privilegiata al canto dell’assemblea liturgica – canto di popolo e ministri -, Musicam Sacram (= MS) sottolinea l’importanza dei diversi interventi canori: «l’azione liturgica riveste una forma più nobile quando è celebrata in canto, con i ministri di ogni grado che svolgono il proprio ufficio, e con la partecipazione del popolo» (MS 5). Rimarchiamo la menzione della partecipazione dei fedeli, la più trascurata nell’arco storico del secondo millennio cristiano; ma dobbiamo dedicare attenzione all’affermazione secondo cui la «forma più nobile» è data dal canto assembleare, qui messo in luce nella sua articolazione ministri-popolo (vedi), e non nel canto solo di qualcuno, solo del coro o solo dei fedeli. Sempre in MS 5, troviamo esplicitate, in una sorta di elenco, le ragioni per le quali la celebrazione è resa «più nobile» quando è in canto da cui possiamo anche comprendere in che cosa consista questa maggiore nobiltà. Riporto il testo di MS con un breve commento:

  • «La preghiera acquista un’espressione più gioiosa»; la preghiera liturgica diventa più saporosa e intensa. Il canto esprime molto di più che le semplici parole, ed è indubbio che il canto sia un gesto impegnativo e per questo più coinvolgente.
  • «Il mistero della sacra Liturgia e la sua natura gerarchica e comunitaria vengono manifestati più chiaramente»; nell’assemblea liturgica ci si riconosce l’uno di fronte all’altro nella propria diversità e, in questo senso, vengono meglio manifestate le diversità dei ministeri qualora ciascuno canti le parti che gli spettano. Cantare è un “saper perdersi” (cioè un rinunciare alla gestione autonoma del proprio tono di voce, del ritmo, dell’intensità, ecc…) per ritrovarsi in una nuova unità. Cantare è uscire da se stessi per affidarsi alla fraternità ecclesiale, fidarsi di essa, arricchirsi di essa, aderire ad essa.
  • «L’unità dei cuori è resa più profonda dall’unità delle voci»; interessante osservazione. L’impegno sinceramente posto nell’unire la propria voce a quella degli altri, realizza e approfondisce la comunione fraterna. Solo una matura concezione della partecipazione attiva  può approvare tale affermazione, per la quale l’azione influisce sull’intenzione; al contrario, una certa schematizzazione, che procede da una mai sopita sfiducia nel corpo, la negherebbe con forza.
  • «Gli animi si innalzano più facilmente alle cose celesti per mezzo dello splendore delle cose sacre»; occorre ripensare alla funzione della bellezza dell’espressione artistica e ai suoi effetti sull’animo umano. Un canto scelto con cura e ben eseguito o un brano strumentale collocato in modo pertinente nella celebrazione possiedono un grande potere penetrante. Tutte le arti hanno questo potere; ma la musica ha una potenza impressiva ed espressiva ineguagliabile;
  • «Tutta la celebrazione prefigura più chiaramente la liturgia che si svolge nella Gerusalemme celeste». Tra i modi con cui il linguaggio biblico descrive la condizione dei salvati vi è certamente il riferimento al canto: si pensi ad es., al canto nuovo davanti al trono dell’Agnello nella visione descritta nell’Apocalisse. La liturgia terrena ha il compito di esserne l’anticipazione profetica.

Inoltre, MS 5 si rivolge – con un certo vigore – ai pastori affinché «si sforzino in ogni modo di realizzare questa forma di celebrazione»: si vuole che queste istanze siano prese sul serio. Infine, lo stesso paragrafo chiede ai pastori di preparare le celebrazioni con cura e, soprattutto, non da soli: «d’accordo tra tutti coloro che devono curare la parte rituale o pastorale o del canto». Vengono in tal modo implicitamente condannate scelte di comodo, ispirate solamente alla faciloneria e all’improvvisazione.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...