Musica della liturgia

BLOG di don Simone Unere. Uno spazio per convogliare pensieri, notizie, approfondimenti sull’aspetto musicale della vita liturgica della Chiesa e condividere opinioni.

Musicam Sacram a 50 anni dalla pubblicazione: approfondimenti

musicam-sacram

Il prossimo 5 marzo ricorrerà il 50° anno dalla pubblicazione di Musicam Sacram, l’Istruzione del “Consilium” e della Congregazione dei Riti inerente l’applicazione della Costituzione sulla Sacra Liturgia del Concilio Vaticano II in materia di musica sacra. Spero che tale ricorrenza sia colta come un’occasione di formazione da non lasciarsi sfuggire, a nessun livello.

Inizio il 2017 anche sul blog, dunque, con il proposito di dedicarmi settimanalmente a questa Istruzione, da qui al suo anniversario, osservando come le istanze di Sacrosanctum Concilium siano state recepite nell’immediato post-concilio e quali soggetti nella comunità celebrante siano stati particolarmente chiamati in causa al fine di promuovere la «partecipazione attiva» per mezzo del linguaggio musicale. Scopriremo un documento che un po’ risente dei suoi anni e per questo potremmo talvolta “sentirlo” distante dalle attuali prassi celebrative, ma che soprattutto risente dell’epoca nella quale fu redatto – i primissimi anni della riforma liturgica – e dei problemi che allora dovette affrontare: si trattava di mettere a punto le giuste modalità partecipative dei fedeli al riparo dalle sperimentazioni più spericolate, e nello stesso tempo sostenere la causa conciliare rispetto a posizioni intransigenti, che ritenevano minacciato il patrimonio della musica sacra. D’altro canto Musicam Sacram, in ambito liturgico-musicale, è il documento post-conciliare tutt’ora più completo, che non manca di essere portatore d’istanze ancora oggi irrisolte e che, al fine della «partecipazione attiva» invocata da Sacrosanctum Concilium, attendono attuazione.

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Musicam Sacram a 50 anni dalla pubblicazione: approfondimenti

  1. Fabrizio Peri in ha detto:

    Perchè non comprendere l’organista liturgico tra i ministeri istituiti? vedi a proposito quanto scritto da me su “musica divina giubilo de cuore “, blog di Alessio Cervelli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...