Musica della liturgia

BLOG di don Simone Unere. Uno spazio per convogliare pensieri, notizie, approfondimenti sull’aspetto musicale della vita liturgica della Chiesa e condividere opinioni.

Musica non necessaria

mus

Il canto e la musica nella liturgia appartengono al “non necessario”. Con questa espressione non si intende indicare la necessità che può derivare dalla normativa rubricale, o che viene richiesta dalla solennità, o addirittura che è legata alla natura dell’atto liturgico. Più precisamente, si vuole mettere in risalto la “gratuità” della forma musicale. Si potrebbe dire,  paradossalmente, che al canto appartiene la necessità del gratuito. Canto e musica esprimono un “investimento sulla forma” dell’atto liturgico che (al di là dall’essere prescritto) sposta subito l’azione su un altro piano, quello del gratuito.

Un caso particolarmente evidente di questo apporto arrecato dalla musica si ha nella proclamazione cantata delle letture o nell’intonazione dell’eucologia. Qui infatti, a uno sguardo superficiale potrebbe sembrare che la cantillazione non aggiunga nulla al testo, sul piano del contenuto. In realtà, dal momento che la proclamazione del testo non si esaurisce affatto sul piano del contenuto, ma è ordinata a realizzare un atto di relazione tra Dio e l’assemblea, la cantillazione contribuisce a dare forma sacramentale a tale relazione, incidendo in ultima analisi proprio sul contenuto dell’atto stesso (in senso relazionale, implicante il coinvolgimento del soggetto). Questa modalità di “presa di parola”, che è tipica del contesto rituale, immette nella dimensione simbolica della liturgia e libera le potenzialità del “dire” liturgico: “La proclamazione cantata di un testo sposta quel testo e la sua enunciazione in una zona ambigua, metaforica. La funzione meramente assertiva è turbata emotivamente. E’ solo al di là di questa soglia che il discorso musicale dispiega le proprie risorse”.

Fonte: L. GIRARDI, La liminalità della musica, in La liminalità del rito, a cura di G. BONACCORSO, Edizioni Messaggero Padova – Abbazia di Santa Giustina, Padova, 2014.

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...