Musica della liturgia

BLOG di don Simone Unere. Uno spazio per convogliare pensieri, notizie, approfondimenti sull’aspetto musicale della vita liturgica della Chiesa e condividere opinioni.

Cantare le parti più importanti

prefazio

Nella scelta delle parti destinate al canto, si dia la preferenza a quelle di maggior importanza, e soprattutto a quelle che devono essere cantate dal sacerdote, dal diacono o dal lettore con la risposta del popolo, o dal sacerdote e dal popolo insieme (OGMR 40).

L’affermazione dell’Ordinamento Generale del Messale Romano ci porta subito ad un paio di domande: tra le parti da destinare al canto, quali sono quelle di maggior importanza? E perché lo sono?

Ricercare le risposte adatte significa andare alle ragioni più autentiche del canto liturgico. La prima domanda trova una risposta implicita nell’affermazione stessa di OGMR: tra le parti più importanti, vi sono soprattutto quelle spettanti ai ministri con la risposta dell’assemblea, o quelle cantate dal sacerdote simultaneamente al popolo. Elencando le parti che devono essere cantate dal sacerdote, dal diacono o dal lettore con la risposta del popolo, troviamo:

– i Saluti (Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito);
– le Orazioni (Colletta; Sulle offerte; Dopo la Comunione);
– dopo la I e II lettura (Parola di Dio. Rendiamo grazie a Dio). Il Messale indica solo la melodia per l’acclamazione finale;
– per il Vangelo (Dal Vangelo secondo… Gloria a te, o Signore). Preceduto dal saluto;
– dopo il Vangelo (Parola del Signore. Lode a te, o Cristo);
– il dialogo al Prefazio (e il Prefazio stesso, che è un tutt’uno con il dialogo che lo precede);
– l’acclamazione (Mistero della fede. Annunciamo…);
– la dossologia (Per Cristo… Amen.);
– benedizione.

Le parti nelle quali viene indicato che il popolo canti insieme al sacerdote, sono:

– l’Alleluia o, in Quaresima, altro canto (ma non il versetto);
– la professione di fede (il canto del Credo è un’opzione possibile, alternativa alla recita);
– il Santo;
– il Padre nostro

Dunque, una grande e variegata ricchezza di gesti liturgici da compiere in forma sonora che, ne sono certo, avrà sorpreso il lettore, il quale non avrà mancato di confrontare la multiforme proposta canora del Messale, con la prassi celebrativa conosciuta nel proprio ambiente. Una generalizzata mancanza di formazione liturgica ha portato a ignorare le ragioni più profonde del canto liturgico: esso è vissuto come ornamento, abbellimento e come occasione per una mal intesa “animazione” della Messa. Una sterminata e spesso scadente produzione di canti per l’ingresso, la presentazione dei doni, la comunione, la “fine” (sic), è nel contempo effetto e causa di questo disorientamento.

Continua

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...